Creazione o evoluzione?

Creare una nuova impresa o evolvere verso un nuovo modello di business?

Lo so che fa arrabbiare, ma il primo abbozzo di risposta è «dipende»

La maggior parte delle nostre imprese è «prodotto-centrica» ovvero l'azienda inventa e produce un prodotto, poi cerca di venderlo.
Cosa c'è di male?, direte voi. Nulla in sé: tutte le aziende producono e vendono.

Il problema è che il modello funziona senza problemi solo con le commodity. Quei prodotti cioè che non hanno bisogno di cercarsi un mercato ma che, per un motivo o per un altro, se lo ritrovano.
Una commodity, ad esempio, è il petrolio: avete mai sentito un paese produttore fare pubblicità al suo petrolio? Altra cosa sono i distributori di benzina che, essendoci scelta, devono lottare per avere più clienti.

Ora la risposta alla domanda iniziale dipende dal tipo di modello di business che supporta il mio prodotto. Non è facile cambiare la percezione del cliente (primo punto) e non è facile cambiare la struttura (produzione, marketing, canali vendita etc) che porta il prodotto al mercato (secondo punto).

Quando il modello di business è rigido nella percezione e nella struttura, ogni tentativo di evoluzione sarà ostacolato da mille paletti. In questo caso, se l'impresa vuole progredire, è meglio creare al sua interno una startup che gli permetta di ripensare tutto da capo, senza troppi vincoli interni.

Dove sta scritto che una startup è fatta solo di giovani talenti che hanno avuto un'idea?

© 2018 MPGStudio di Piatti Marco | 22075 Lurate Caccivio (Co) - Tel. +39 335 5465326
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | www.marcopiatti.it | P.IVA 03115370136